Calamari ripieni con crema di carciofi

calamari-ripieni

Dalla tipicità della cucina pugliese nasce la ricetta dei calamari ripieni. Un secondo piatto di pesce tradizionale, semplice e gustoso che permette di esprimere in cucina tutta la tua creatività. La bontà dei calamari e il sapore dei carciofi uniti in un unico piatto.

Ingredienti:

2 Calamari (piuttosto grandi)

500 gr. di Patate Bollite

1 Uovo

80 gr. di Provola

2 Carciofi

1 Spicchio di Aglio

Rosmarino q.b.

Prezzemolo q.b.

Pangrattato q.b.

Olio per Friggere q.b.

Sale q.b.

Pepe q.b.

 

Preparazione:

Pulire i calamari, privarli della testa e staccare i tentacoli dalle sacche (se non è stato già fatto al momento dell’acquisto). Schiacciare le patate, precedentemente pelate, e mescolare con la provola tritata, l’uovo, il sale ed il pepe. Amalgamare il tutto e inserire il composto all’interno dei calamari. Chiudere i calamari con un rametto di rosmarino o degli stuzzicadenti se preferite ed immergerli nel pangrattato. Portare a temperatura la giusta quantità di olio e friggere i calamari.

Separatamente lavare e pulire i carciofi eliminando le foglie esterne più dure.
Stufare i carciofi con l’aglio e il prezzemolo e, a cottura ultimata, mescolare fino ad ottenere una crema abbastanza densa.
Se non si ha il tempo di prepararla il problema non sussiste! La Crema di Carciofi Dilillo si presta benissimo per questa ricetta.

Terminata la preparazione, distribuire la crema di carciofi nei piatti in modo omogeneo, con i calamari tagliati a rondelle.

Una raccomandazione: prima di servire il piatto, condire con un filo di olio extra vergine di oliva.

A questo punto il piatto è pronto per essere assaporato e noi di ApulEat vi auguriamo buon appetito!

 

Un consiglio:

I piatti di mare solitamente sono accompagnati da un buon vino bianco. Per rendere più piacevole e gustoso questo momento si consiglia il vino bianco “I tre volti” nato dall’utilizzo di tre vitigni.

 

Per questa Ricetta abbiamo usato:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *